• maxoptical

Salemi, oscurato il murales della "discordia". La replica del Comune: "Non era autorizzato"

di: Redazione - del 2017-09-07

Immagine articolo: Salemi, oscurato il murales della "discordia". La replica del Comune: "Non era autorizzato"
  • "Che giornata triste per il borgo di Salemi. Una scena da Medioevo". Inizia così uno dei tanti commenti pubblici sui social di una cittadina in merito al Murales "della discordia" che si trovava nei pressi del cavalcavia realizzato da un writer ignoto.

    Lo stesso raffigurava, in chiave ironica, un personaggio noto dello spettacolo l'ex Sindaco Sgarbi camuffato da capra, frase che lo stesso critico d'arte è solito pronunciare nelle invettive che sono diventate celebri.

    Un addetto è stato incaricato di oscurarlo provvedendovi, come ci riportano persone sul posto, in presenza di una pattuglia dei Vigili Urbani. Intanto la cittadinanza si è divesa tra fautori e contrari al gesto di oscurarlo. Ne riportiamo qualcuno:" Che tristezza, ieri mattina chi attraversava il cavalcavia poteva ammirare una vera opera d'arte realizzata da un artista ignoto. Le forme d'arte sono soggettive".

    "Ogni forma d'arte libera e espressiva progressista buttata nel cestino. Come mai non hanno cancellato i murales delle fontane a cascata di Piazza P.Pio? E gli altri del paese?"

    Dall'altra parte commenti diversi che appoggiano l'operato della persona incaricata di oscurarlo:"Questa non è arte, ma semplice vandalismo. Capisco che aver cancellato un murales raffigurante un preciso personaggio camuffato da capra, abbia per qualcuno un preciso peso politico, ma se dobbiamo attenerci alla legge vi prego di dare una lettura all'articolo 639 del Codice Penale.  

    Certi personaggi, se hanno tanto il bisogno di esporre la loro vena artistica, si comprino una bella tela e disegnino su quella senza imbrattare i muri. Parlate tanto di legalità, ma se proprio lo dovete fare...fatelo bene, altrimenti ogni singolo cittadino si sente in dovere di prendere una bomboletta spray e scrivere sui muri la prima c.. che gli passa per la testa".

    Ecco la replica dell'Associazione Peppino Impastato:" A chi fa paura l’Arte? A chi dice di sostenerla nei programmi elettorali e poi la cancella? Noi ragazzi e ragazze dell’ Associazione Socio-Culturale "Peppino Impastato" siamo dalla parte dell’Arte sempre e comunque, anche quando potrebbe essere considerata “scomoda”. Anche quando è necessario “trasgredire” le regole per affermare un’idea. E l’idea che vogliamo portare avanti è quella della condivisione di qualsiasi manifestazione espressiva che ci faccia riflettere, piangere o sorridere. Insomma emozionare. A

    volte però, un’opera d’arte può dare anche tremendamente fastidio, quando non si capisce il messaggio che ci sta dietro, oppure quando lo si capisce e lo si vuole cancellare. Crediamo che i fatti accaduti ieri abbiano travalicato le intenzioni degli artisti e della nostra associazione che li supporta. I lavori per la realizzazione del murale sul cavalcavia del nostro paese si sono svolti sotto gli occhi dell’intera cittadinanza per tre giorni e nessuno ha avuto da ridire. Solo quando è stato ultimato, si sono levate voci a proposito della “regolarità” dell’opera, che evidentemente non è stata apprezzata. Oppure, a non essere apprezzata forse è l’opera di chi si batte per diffondere un messaggio alternativo che si basa sulla partecipazione, la condivisione e la diffusione del bello.

    Oggi ad essere censurata non è stata solo un’opera d’arte, ma soprattutto un’idea: quella che in questo paese qualcosa di nuovo, di diverso si può e si deve realizzare. Tanti sono i muri imbrattati, molti sono gli angoli degradati a Salemi. Eppure, mai l’amministrazione è stata così tempestiva nel ripristinare il “decoro urbano”.  Perché ripulire la città partendo da un’opera d’arte?  Noi Associazione Peppino Impastato sosteniamo pienamente l’artista, e condanniamo fortemente questa azione dell’Amministrazione Comunale. Per questo invitiamo tutte le associazioni, gli artisti e i liberi cittadini a partecipare, domenica 10 Settembre alle ore 18:30, ad un sit-in di fronte al murale cancellato per rivendicare l’importanza dell’arte nel nostro paese.  

    Le ragazze e i ragazzi dell'Associazione Peppino Impastato.  Ade Zummo Alberto Evan Patti Alessandro Angelo Salvo Caruccio Camillo Spisso Chakib Fathallah Concetta Varia Dario Marino Diana Patti Elena Placenza Elisa Maurizio Emilio Pisano Federica Armata Francesca Catania Gaspare Crimi Giovanni Cucchiara Giulia Lo Castro Giuseppe Alessio Favuzza Giuseppe Fiscelli Peppe Bongiorno Ignazio Grillo Laura Masaracchia Luca Marrone Maria Scavuzzo Michele Ferro Miriam Sutera Nicola Maniscalco Nicola Mezzapelle Nicola Verdirame Giuseppe Maiorana Giuseppe Puma Salvo Mirabile Samuela Calamia Sara Perria Silvia Marrone Rosario Rosa.

    in merito alla vicenda del murales arriva la replica dell'Amministrazione comunale di Salemi: "Non c'era autorizzazione per il murales. Si tratta di una questione di rispetto delle regole."

    Vuoi saperne di più su questa notizia? Clicca su "Mi Piace" Castelvetanonews o seguici su Twitter e riceverai prima di tutti le notizie dal Belice

  • Il mercatino dei lettori

    Invia il tuo annuncio

    Dopo aver selezionato l'immagine sarà necessario attendere la conferma, che verrà visualizzata qui in basso

    I più letti